Capire la Fisica


Vai ai contenuti

Prefazione


Capire la fisica per il piacere di conoscere.

Studio per passione la fisica teorica quanto basta per apprezzare la precisione e l'accuratezza del metodo quantistico, non posso dire altrettanto della relatività generale di Einstein, perché si basa su postulati imprecisi e su questi con una matematica evoluta ha costruito tutto il suo sapere.
Vi anticipo che la mia convinzione scientifica si posiziona dentro il binario logico indicato da Galileo Galilei con la relatività classica e la legge sul principio dell'inerzia e confermata da Isaac Newton con la Gravitazione Universale. Tutti noi siamo convinti che qualsiasi rappresentazione matematica di una legge scientifica anche se percorre la strada giusta è sempre migliorabile, così da rinnovarsi e funzionare con successo con le nuove conoscenze dell'uomo, ed è proprio per questo che io penso che si dovrebbero affinare senza deformare la relatività Galileiana e la Gravitazione Universale di Newton, perché le considero delle vere opere d'arte di logica.

Ho pubblicato un saggio di Fisica solo per analizzare i fenomeni che ci circondano con razionalità e logica, le risposte che arriveranno sono molte volte in disaccordo con le teorie della relatività di Einstein, ma mai con le leggi consolidate, il mio scopo è capire l'Universo dando a volte una nuova opinione da poter discutere, controbattere o condividere; inizio studiando la meccanica dei fenomeni fisici come la luce, la gravità, la massa ecc.. Le formule sono ridotte al minimo perché è mia intenzione dare molto spazio alla logica, quelle riportate verranno sezionate con il ragionamento per capirle a fondo, così da avvicinare tutti i lettori alla fisica di base. Affronterò i vari argomenti con un'introduzione esplicativa ad ogni capitolo di facile comprensione, a volte la spiegazione sarà presa direttamente da Wikipedia, la famosa enciclopedia libera e altre volte da siti per la divulgazione della Fisica per studenti.
Spero che di seguito riuscirò anche ad esporre compiutamente perché la trasformazione di Lorentz è verosimile come formula matematica ma gli si è data un'interpretazione sbagliata, perché la vera particolarità della luce è quella di assorbire il moto della sorgente trasformandolo in un aumento di energia quindi la definizione data "dilatazione delle durate" deve essere sostituita con "incremento di energia."
Viene da se che la trasformazione matematica di Lorentz anche se la sua interpretazione non è esatta, fa esattamente la stessa cosa se applicata nelle formule della relatività, così la soluzione che ne scaturisce risulta conforme alla realtà e ci fa apparire la teoria credibile portandoci però completamente fuori strada nel capire i fenomeni naturali.


Queste raffinatezze matematiche delle teorie relativistiche, per un verso proteggono molto bene le stesse teorie da attacchi parziali e mirati, perché si richiede alle nuove teorie la giusta spiegazione di tutti i fenomeni interessati; mentre per un altro verso lascia a tutti gli scienziati moderni le mani libere per formulare nuove teorie in accordo con esse, avendo quindi proprio la relatività come la loro base di partenza, ed è anche per questo che le hanno accettate tutti di buon grado prendendole ad esempio ed usandole come la partenza di tutto, sicuramente sono tutti in buona fede, perché guardano solo avanti per progredire e non indietro per verificare la giustezza delle teorie già formulate.
Però così facendo adesso abbiamo un grosso problema perché un'enormità di nuove teorie basate sulla relatività ci hanno portato a false verità con soluzioni fantasiose o inverosimili come: universi paralleli, buchi neri che ci trasportano a nuove realtà spazio temporali, o che la gravità è solo un illusione ecc.. ecc.. Oramai tutto questo è nel nostro sapere quotidiano, ed anche volendo sarà molto difficile sradicarlo.
Adesso risulta più arduo tornare indietro per capire i concetti basilari di fisica, abbiamo costruito un castello d'idee confuse che si è consolidato nelle nostre menti ma vi dimostrerò che questo castello è di sabbia ed è in procinto di crollare al primo sussulto.
Quello che provo ad affermare in questo saggio è che se vogliamo veramente capire e riunire la fisica teorica della gravitazione universale con la fisica atomica elementare dobbiamo essere disposti a delle scelte severe, scartare le ipotesi sbagliate o imprecise a vantaggio di nuove ipotesi che ci spiegano il fenomeno nel modo corretto senza che queste siano in contraddizione con le leggi consolidate, perché una legge fisica deve valere per l'infinitamente grande come per l'infinitamente piccolo, se una teoria matematica trova una soluzione ad un problema questa non può essere un problema ad un'altra soluzione consolidata, la scienza così non riesce a fare progressi.
Sono passati ben cento anni da quando Einstein le formulò, ma queste sono rimaste solo delle teorie non sono diventate ne leggi di fisica ne principi consolidati da rispettare, anche se in molti non accettano voci contrarie alla relatività.
Il viaggio inizia dalla meccanica dei fenomeni naturali, questi sono rappresentati con concetti scientifici relativamente semplici, sempre nel rispetto assoluto delle leggi consolidate della fisica, successivamente cercherò di spiegare le formule matematiche che li descrivono, provando ad esporle al meglio sezionandole per capirle in dettaglio, così da dare a tutti la possibilità di comprendere le mie idee.

Vorrei cercare di divulgare l'amore per la fisica, rendendola appassionante e alle volte simpatica.























Home Page | Prefazione | La Luce | La Massa | Il Tempo | La Gravità | Argomenti vari | La Teoria della relatività | Conclusioni | Contatti | Copyright | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu